Crisi di coppia

Molte coppie attraversano momenti di crisi, legati spesso a cambiamenti o eventi improvvisi (nascita di un figlio – lutti – licenziamenti – svincolo dei figli – allontanamento affettivo dei uno dei due parrner – invadenza delle famiglie d’origine – sensazione di inadeguatezza – desiderio non condiviso di genitorialità – diverse posizioni nell’educazione della prole …)
Spesso queste situazioni portano ad un progressivo allontanamento, vissuto come stallo di coppia, o ad una vera e propria crisi che porta insofferenza, conflitto e deterioramento del clima emotivo della famiglia.

Dietro queste problematiche si celano difficoltà relazionali e comunicative, che determinano comportamenti non decifrabili dall’altro partner – che possono ferire – determinando situazioni di conflitto senza che nessuno dei due sia consapevole di quanto accade. Alcuni schemi di comportamento che vengono appresi da tutti nelle famiglie d’origine, possono non essere funzionali all’interno di quella coppia, ma avere avere un significato per il singolo che non viene compreso dall’altro.
La crisi non è sempre un’esperienza negativa. Sicuramente porta alla messa in discussione del rapporto, crea disagio e malessere, ma contemporaneamente rivela la possibilità di uno scatto evolutivo.

La terapia sistemico-relazionale è il trattamento d’elezione per le difficoltà di coppia, tiene in considerazione la dimensione relazionale degli individui, ponendola al centro dell’intervento, e si pone l’obiettivo di riscoprire la relazione di coppia, dare significato al disagio provato, contestualizzandolo nella fase di ciclo vitale in cui la crisi avviene ed alla sotria familiare. Permette di scoprire regole di coppia implicite, miti familiari e rapporti con le famiglie d’origine che influenzano la relazione e di cui non si è sempre consapevoli.
Non esistono ricette per il benessere della coppia, ognuna deve trovare il proprio equilibrio, stabile e flessibile, in modo da poter fronteggiare cambiamenti ordinari e straordinari a cui la vita sottopone.

Molte coppie attraversano momenti di crisi, legati spesso a cambiamenti o eventi improvvisi (nascita di un figlio – lutti – licenziamenti – svincolo dei figli – allontanamento affettivo dei uno dei due parrner – invadenza delle famiglie d’origine – sensazione di inadeguatezza – desiderio non condiviso di genitorialità – diverse posizioni nell’educazione della prole …)
Spesso queste situazioni portano ad un progressivo allontanamento, vissuto come stallo di coppia, o ad una vera e propria crisi che porta insofferenza, conflitto e deterioramento del clima emotivo della famiglia.

Dietro queste problematiche si celano difficoltà relazionali e comunicative, che determinano comportamenti non decifrabili dall’altro partner – che possono ferire – determinando situazioni di conflitto senza che nessuno dei due sia consapevole di quanto accade. Alcuni schemi di comportamento che vengono appresi da tutti nelle famiglie d’origine, possono non essere funzionali all’interno di quella coppia, ma avere avere un significato per il singolo che non viene compreso dall’altro.
La crisi non è sempre un’esperienza negativa. Sicuramente porta alla messa in discussione del rapporto, crea disagio e malessere, ma contemporaneamente rivela la possibilità di uno scatto evolutivo.

La terapia sistemico-relazionale è il trattamento d’elezione per le difficoltà di coppia, tiene in considerazione la dimensione relazionale degli individui, ponendola al centro dell’intervento, e si pone l’obiettivo di riscoprire la relazione di coppia, dare significato al disagio provato, contestualizzandolo nella fase di ciclo vitale in cui la crisi avviene ed alla sotria familiare. Permette di scoprire regole di coppia implicite, miti familiari e rapporti con le famiglie d’origine che influenzano la relazione e di cui non si è sempre consapevoli.
Non esistono ricette per il benessere della coppia, ognuna deve trovare il proprio equilibrio, stabile e flessibile, in modo da poter fronteggiare cambiamenti ordinari e straordinari a cui la vita sottopone.